Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Tanti buoni motivi per partecipare...

Villa Bellavista

Villa Bellavista un gioiello tutto italiano

Villa Bellavista a Borgo a Buggiano, il cui nome deriva dallo splendido panorama sul Montalbano e sulle Carbaie fino alla valle dell'Arno che si gode dalla collina dove sorge la villa.

Un tempo ricca di giardini e adorna di fontane e statue, era considerata la villa più bella d'Italia dopo la Reggia di Caserta (ndr)

L'aspetto attuale risale a dopo il 1673, quando Francesco Feroni, dopo uno strepitoso successo commerciale ad Amsterdam, tornò in Italia e acquistò una tenuta di ben 45 poderi con edifici agricoli da Cosimo III de' Medici, il quale lo fregiò anche del titolo di marchese.

I lavori di edificazione della villa vera e propria, che nelle intenzioni del committente doveva rispecchiare la sua ricchezza e il suo raggiunto status sociale elevato, furono affidati a Antonio Maria Ferri, che fece un progetto nel sobrio e solenne stile barocco fiorentino.

I lavori terminarono nel 1699, quando ormai il committente era già morto, ma suo figlio Fabio entusiasta del risultato incaricò l'architetto di erigere anche una cappella accanto alla villa.

La zona dei poderi però venne interessata da lavori di bonifica e colmata dei terreni circostanti sul finire del Settecento, che resero le terre attorno alla villa soggette a inondazioni ed acque stagnanti: i Feroni dovettero vendere tutti i poderi, mentre tennero la villa ma solo fino al 1829 quando decisero di cederla al barone Giuseppe Ardia.

Nel 1939 fu acquistata dal Ministero dell'Interno, Direzione Generale dei Servizi Anticendi, che provvide al suo restauro. Il barone Giuseppe Ardia, capo dei Vigili del Fuoco, vi abitò con la famiglia fino alla morte e le sue spoglie si trovano nella cappella della villa. Più tardi si collocò nella villa una casa di convalescenza per i Vigili del Fuoco dedicata a Tullio Baroni.

Nei pressi fu anche creata una colonia elioterapica per i figli dei Vigili. Con il passaggio del fronte fu per un breve periodo un ospedale militare prima tedesco e poi alleato.

Dopo la guerra vi fu collocato l'Istituto per l'accoglienza degli orfani dei Vigili del Fuoco.

La villa è incentrata su un magnifico salone centrale, che si estende in altezza su ben due piani; ha deiballatoi con balaustre che servivano ai musicisti durante le serate da ballo. L'affresco sul soffitto riproduce il Trionfo della nostra santa fede, che simboleggia le guerre contro i turchi, un tema scelto da Fabio Feroni, quale combattente a Vienna contro gliottomani.

Altri ambienti di pregio sono lo scalone e la galleria. Le stanze, spesso affrescate da Pier Dandini (soprattutto sui soffitti) e dal quadraturista Rinaldo Botti, sono allineate in modo da creare delle lunghe vedute prospettiche con le porte regolarmente allineate.

La cappella fu decorata da Giovan Battista Ciceri, autore anche degli stucchi nelle camere da letto padronali. All'interno della stessa fu collocata per un certo periodo grazie all'intervento del prefetto Alberto Giombini, il cranio-reliquia di Santa Barbara.

Il viale d'accesso alla villa è fiancheggiato da siepi, statue e vasi in terracotta e curva in prossimità del giardino antistante la facciata. Davanti al portico di accesso alla villa, caratterizzato da tre arcate e una scala in pietra, si trova una grande vasca litica.

La Villa è il punto di arrivo della camminata e ospiterà moltissimi eventi, culinari e non, che invitiamo a scoprire!

 

 

 

 

 

 

  • Visite: 1340

3 giorni di imperdibili eventi ... E MANCANO SOLO...

Days
:
Hours
:
Minutes
:
Seconds
Regione Toscana
Provincia di Pistoia
Comune di Buggiano
Comune di Montecatini Terme
Comune di Uzzano
To-montecatini
Cia
Comune di Ponte Buggianese
VIVAL
VOLAUTO
Logo Gymnic Center
Logo Italpork
Logo Polpini
nuovacomauto
Innocenti e Mangoni Piante
BANCA DI PESCIA E CASCINA
Palto
Tonsoni
Markal
Toscana

 

 

 

JUST FOR FUN ASD

Via Giusti 9/11, Buggiano (PT)
P. IVA 01938950472
C.F 91034840479

 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.